Amministrazione di sostegno

Categoria: SENTENZE Pubblicato: Mercoledì, 10 Luglio 2013 Scritto da Super User

N. xxxxxxxxxx V.G.

 

 

TRIBUNALE DI SALERNO

Sezione distaccata di Eboli

Il Giudice tutelare, dott. xxxxxxxxxxxxxxxx,

-letti gli atti o sciogliendo la riserva;

-letto il ricorso depositato in data 29.10.09 ne11'interesse di xxxxxxxxxxxxxxxxx, nata a xxxxxxxxxxxxxxx il xxxxxxxxxxx, con ilquale si chiede la nomina di un amministratore di sostegno per 1a zia,xxxxxxxxxxxxxxxx, nata xxxxxxxxxxxxx il xxxxxxxxxxxxx, a causa delle sue condizioni di salute che ne hanno compromesso la sua autosufficienza;

-preso atto della costituzione dei fratelli della ricorrente, xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx e xxxxxxxxxxxxxxxxxxx, i quali si sono associati alla richiesta di nomina di un amministratore di sostegno a favore della zia;

-visto 1'esito della comparizione delle parti;

-visto, in particolare, 1'esito dell'esame domiciliare di xxxxxxxxxxxxxxxxxxx, nel corso del quale la stessa ha dichiarato di vivere sola con la sorella in una stanza, di non camminare e di essere accudita ;

rilevato, poi, che, nel corso dell'articolato esame, la resistente ha dichiarato di essere titolare di una pensione edell'accompagnamento, di cui non conosce l'entità;

-esaminata la documentazione allegata agli atti ed, in
particolare, i certificati medici dai quali si evince che la

 

Casella di testo: 2beneficiaria e affetta da un decadimento cerebrale vascolare cronico con decadimento cognitivo, primario e secondario, é totalmente allettata, con necessità di accudimento e vigilanza continua, nonchè la ralazione dei servizi sociali del Comune di Serre nella quale si evidenzia uno stato di abbandono nell'abitazione dell'amministranda, mancanza di pulizia nell' ambiente domestico e dell' anziana e la sua incapacità di attendere alle faccende di vita quotidiana;

- rilevato che l’esito dell'esame domiciliare della

beneficiaria ha evidenziato una sua impossibilità di

deambulare, condizioni igienico sanitarie non ottimali,
1' ignoranza dell' attuale moneta in circolazione;

- rilevato che dall' esame della documentazione medica prodotta in atti e dalla relazione dei servizi sociali, nonchè dall'esame domiciliare, come constatato personalmente dal giudice, ci evince che le condizioni fisiche della sig. xxxxxxxxxxxxxxxxxx siano tali da determinare l'accoglimento dell'istanza di nomina di amministratore di sostegno proveniente della nipote, unico soggetto che, anche per condizioni logistiche, è 1'unica che può assistere la zia;

- rilevato, difatti, che la beneficiario dell' invocata misura, di 84 anni, essendo affetta da decadimento cerebrale con decadimento cognitivo, primario c secondari,o, incontinenza uro fecale, presenta una compromissione delle sue facoltà nella

 

Casella di testo:  Casella di testo: 3

cura dei propri interessi, in considerazione dell' avanzata età, nonchè della constata incapaci a deambulare;

- premesso che l' amministrazione di sostegno - introdotta

nell’ordinamento dall'art. 3 de1la legge 9 gennaio 2004, n 6

ha la finalità di, offrire a chi, si trovi nella impossibilità,

anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi

uno strumento di assistenza che ne sacrifichi, nella minor misura possibile la capacità di agire, distinguendosi, con tale specifica funzione, dagli altri, istituti a tutela degli

incapaci, quali, 1'interdizione e 1'inabilitazione, non soppressi, ma solo modificati dalla stessa legge attraverso la novellazione degli artt. 414 e 427 del codice civile;

- ritenuto, in proposito, che l’ambito di applicazione dell'istituto do quo va individuato con riguardo non già al diverso, e meno intenso, grado di infermità o di impossibili: di attendere ai propri interessi del soggetto carente di

autonomia, ma piuttosto alla maggiore idoneità di tale strumento ad adeguarsi alle esigenze di detto soggetto, in relazione alle sue flessibilita ed alla maggiore agilità della relativa procedura applicativa, essendo demandato all'apprezzamento del giudice di merito in valutazione della conformità di tale misura alle suindicate esigenze, tenuto conto della complessiva condizione psico-fisica dal soggetto da assistere e di tutte le circostanze caratterizzanti la _fattispecie (in tal senso Cass. civ. 131584/06 e 9628/09);

 

- ritenuto, quindi, che 1'istituto consente di soddisfare al meglio le esigenze di vita della ricorrente la quale presenta una situazione tale che possa determinare anche un solo potenziale pregiudizio alla proficua gestione dei propri "interessi";

- ritenuto, quindi, che la prevenuta necessità di essere "assistita" da una persona a lei vicina, quale la nipote, Sig.ra xxxxxxxxxxxxxxxxx, che, anche per quanto emerge dalla relazione dei servizi sociali, risulta essere la referente dal 2006;

- considerato che, in tal modo, risulti esaltata la dichiarata finalità della nuova legge, sussistendo, nel caso di specie, la possibilità di tutelare "con la minor limitazione possibile della capacità di agire" la beneficiaria, persona anziana che risulta priva di autonomie nell'espletamento di talune funzioni della vita;

- ritenuto, quindi, che 1' amministrazione dovrà tradursi in termini di assistenza, senza, però, in alcun modo pregiudicare la personalità dell'anziana, che non deve essere esclusa dal consorzio civile, in modo che le sue energie psico fisiche non vengano modificate, ma sviluppate e salvaguardate;

- rilevato, in concreto, a titolo esemplificativo, che

l’amministratore dovrà riscuotere somme nell'interesse di

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx (quali pensioni, rendite), da utilizzare esclusivamente per le esigenze di vita delle stessa {quali

 

Casella di testo: 5pagamento utenze, pagamento badanti), nonchè de depositare presso eventuali conti correnti bancari e/o un libretti a risparmio gia intestati a nome dell'istante; presentare istanze presso gli uffici della P.A. per la richiesta di sussidi, ed assistenza ad altro; presentare la dichiarazione dei redditi, curare la gestione dei Conti correnti, bancari cointestati,, con autorizzazione al prelievo massimo mensile di € 500,00 da destinare ai bisogni dell'interessata, salva la possibilità di autorizzazione specifica del giudice in caso di prelievi per importi superiori;

- rilevato che 1'amministratore può essere individuato, sulla base anche della relazione dei servizi sociali che indica quale unicareferente la ricorrete, nella persona di xxxxxxxxxxxxxxxxxxx;

-vista la dichiarazione di disponibilità di xxxxxxxxxxxxxxxxxx, nata a xxxxxxxxxxxxx i1 xxxxxxxxxxxx, residente in xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx, ad essere nominata amministratore di sostegno della zia, xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx, nata a xxxxxxxxxxxxxx il xxxxxxxxxxx, residente in xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx;

-.ritenuto, pertanto, opportuno nominare amministratore di sostegno di xxxxxxxxxxxxxxxxxxx la predetta xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx;

- rilevato, quanto alle spese di lite, che le stesse vadano compensate in considerazione della natura del procedimento;

- visti gli artt. 1 e segg. della legge n. 6 del 9/1/2004;

p.q.m

 



Casella di testo: 6il Giudice così provvede:

1. nomina xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx, nata a xxxxxxxxxxxxxx il xxxxxxxxxxxx, residente in xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx, ad essere nominataamministratore di sostegno di xxxxxxxxxxxxxxxx, nata a xxxxxxxxxxxxxxxx il xxxxxxxxxxxxxx, residente in xxxxxxxxxxxxxxxxxx;

2. autorizza xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx, quale amministratrice di sostegno di xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx a:

§ riscuotere somme nell'interesse di xxxxxxxxxxxxxxxxxx (quali, a titolo esemplificativo,

pensione, rendite), da utilizzare esclusivamente
per le esigenze di vita della stessa (quali a

titolo esemplificativo, pagamento utenze, pagamento badanti), nonchè da depositare presso eventuali conti correnti bancari o libretti al risparmio intestati a nome del ricorrente già esistenti o da aprire a suo nome;

· presentare istanze presso gli uffici della P.A. per la richiesta di sussidi ad assistenza od altro;

· presentare la dichiarazione dei redditi.

· Gestite i conti correnti bancari cointestati con facoltà di prelievo della somma massima di € 500,00 mensili da utilizzare par i bisogni della

 

Casella di testo: 7beneficiaria e connecessità di apposita

autorizzazione per prelievi di somme superiori;

3. dispone che 1'incarico di amministratore di sostegno sia conferito a xxxxxxxxxxxxxxxxxx a tempo indeterminato);

4. dispone che 1'amministratore di sostegno renda il conto del proprio operato a questa Autorità Giudiziaria semestralmente (con scadenze al 30 novembre e al 31 maggio di ciascun anno);

5. nulla sulla spese del procedimento in considerazione della materia;

6. dispone che la cancelleria provveda alla comunicazione prescritta dall' art. 345, comma secondo, c.c., anche in riferimento al D.P.R. 3/11/2000 n. 396;

7. dispone che la cancelleria provveda agli adempimenti di cui all'art. 423 c.c. e di cui all'art. 42 R.D.

30/3/1942 n. 318, nonchè agli adempimenti di cui

Casella di testo: all’art. 686, primo comma, lettera b), n. 1, c.p.p.. 8. dichiara il presente decreto immediatamente esecutivo   9. Fissa per il giuramento dell’amministratore l’udienza del 25.02.2010 ore 9. Il  Il Giudice manda la cancelleria per gli adempimenti di competenza.

Eboli il 18.01.2010

Il Giudice

 

 

Visite: 1538